Twitch, dal 18 ottobre vietati gli streaming dei casinò online senza licenza. Colpito anche il rapper Drake

Scritto da Daniele
Pubblicato il 03/10/2022
Twitch, dal 18 ottobre vietati gli streaming dei casinò online senza licenza. Colpito anche il rapper Drake

A partire dal prossimo 18 ottobre, Twitch, piattaforma di live streaming di proprietà di Amazon, vieterà le dirette dei siti di giochi online, inclusivi di slot machine, roulette e dadi, che non possiedono una licenza legale per operare negli Stati Uniti o in altre giurisdizioni.

Lo ha reso noto lo stesso Twitch tramite una nota ufficiale emessa tramite il proprio canale Twitter: la stretta riguarda gli streamer che condividono link o codici referenziali per i casinò online che, essendo privi di una regolare certificazione fornita dallo Stato in cui operano (in Italia è competenza di ADM), non sarebbero in grado di garantire una “protezione sufficiente al consumatore”. 

Tra i siti citati e ufficialmente bannati da Twitch rientrano Stake.com, Rollbit.com, Duelbits.com e Roobet.com, ma non è escluso che altri casinò si aggiungano alla lista in seguito al comunicato.

Al momento della stesura di questo articolo, il tweet con il provvedimento di Twitch ha ricevuto più di 343mila mi piace e oltre 25mila retweet, per un boom mediatico esploso su Twitter e propagatosi in breve tempo anche fuori dal mondo social.

Il dibattito sulle dirette dei giochi non è infatti una novità per la piattaforma e in particolare in America, dato anche il coinvolgimento di celebrità e influencer: tra gli streamer colpiti ci sarà il famoso rapper canadese Drake, autore di dirette mentre gioca al cripto-casinò Stake.com, sito che non ha mai ricevuto la licenza legale né per il Canada né per gli USA.

A fermarsi o a cambiare registro dovrà essere anche lo streamer canadese Felix Lengyel, meglio noto come xQc, vera e propria star di Twitch con dirette che solo nel 2021 hanno raccolto un totale di 275 milioni di ore di visualizzazioni.

Informato sulle nuove misure proprio mentre era in corso una sua diretta, lo streamer Roshtein (oltre 1,1 milioni di follower su Twitch) è rimasto per qualche minuto in silenzio, poi ha chiesto ai fan: “Cosa ne sarà di noi?” e infine ha proposto YouTube come piattaforma alternativa (ignorando evidentemente anche i divieti di Google).

Quel che è certo è che dalla mezzanotte del 18 ottobre il mondo dello streaming online cambierà per tutti. A vantaggio degli appassionati dei siti di giochi che stanno dalla parte della legalità.

Le ultime news:

Autore
Content Writer, Editor & Junior Geek
Pane, casinò online ed RTP. Gli piace tenersi sempre aggiornato con le ultime innovazioni in materia di giochi e palinsesto degli operatori. Che sia una nuova slot o un’offerta appena lanciata sul mercato, le sue recensioni partono dall’esperienza diretta ma devono superare anche la prova delle statistiche e dei dati. Conosce tutti i retroscena delle avventure di Rich Wilde, oltre a ogni citazione dei film di Verdone.