Le squadre del Mondiale di Russia 2018

Le squadre del Campionato mondiale di calcio Russia 2018

32 le squadre selezionate per competere per la Coppa del Mondo FIFA 2018, con 8 gironi e una sfida che si disputerà in Russia. Avrà inizio il 14 giugno alle 17.00, con Russia-Arabia Saudita, e terminerà il 15 luglio. Chi sono quindi queste fortunate partecipanti? Vediamo i tratti salienti delle nazionali che scenderanno in campo. Quali sono le rose favorite? Quali si presentano per la prima volta ai Mondiali? E chi sono i commissari tecnici con la maggiore visibilità per questa edizione che vedrà una squadra soltanto ricevere il titolo iridato di Campione del Mondo?


LeoVegas Sport

bet365

Unibet € 100 Bonus e 50 giri gratuiti.

Quali sono le 32 squadre qualificate e gli 8 gironi selezionati?

 

Gruppo A: Russia, Uruguay, Egitto e Arabia Saudita;
Gruppo B: Portogallo, Spagna, Iran, Marocco;
Gruppo C: Francia, Perù, Danimarca, Australia;
Gruppo D: Argentina, Croazia e Islanda, Nigeria;
Gruppo E: Brasile, Svizzera, Costa Rica e Serbia;
Gruppo F: Germania, Messico, Svezia, Corea del Sud;
Gruppo G: Belgio, Inghilterra, Tunisia, Panama;
Gruppo H: Polonia, Colombia, Senegal, Giappone

 

I gironi sono stati sorteggiati mesi fa a Mosca, nella Sala Concerti del Palazzo di Stato del Cremlino, favorendo qualche squadra più di altre. Alcune delle nazionali che si sono qualificate per i prossimi Mondiali hanno già segnato delle tappe importanti in diversi Campionati mondiali di calcio, mentre altre sono rimaste nell’ombra per venire invece alla ribalta per la prima volta proprio per l’evento di Russia 2018.

Lo Stadio Luzhniki di Mosca aprirà l’evento con il match inaugurale e la nazionale del paese ospitante sfiderà I Figli del Deserto, la rosa dell’Arabia Saudita, il prossimo 14 di giugno. Si tratta di un girone debole, quello in cui rientra la Russia, che oltre alla sfidante iniziale, conta anche l’Egitto e l’Uruguay. I Faraoni non si vedevano dal 1990 ai Mondiali, sebbene detengano invece il primato di vittorie nella Coppa d’Africa.

Un girone invece più interessante è quello che vede Portogallo, Spagna, Iran e Marocco. Toccherà a Portogallo e Spagna il 15 giugno, infatti, dare ai tifosi della penisola iberica quello che aspettano da mesi: uno spettacolo degno delle due potenze. La Spagna è tra le favorite quest’anno, ma il Portogallo conta nella sua rosa Cristiano Ronaldo, con ormai 3 Mondiali alle sue spalle. A Russia 2018 accompagnerà la sua nazionale in veste di capitano pluripremiato. La sua collezione di premi è spettacolare, e include anche 5 Ballon d’Or, un record che condivide con Lionel Messi.

Chi vincerà tra le squadre del Mondiale di Russia 2018?

Messi si fa spazio quest’anno tra le star dei Mondiali 2018. È lui infatti l’autore della tripletta che ha visto al nazionale argentina qualificarsi per il Campionato Mondiale, nel match contro l’Ecuador. Ma non dimentichiamo il resto del team! Jorge Sampaoli ha saputo fare un ottimo lavoro, portando la sua squadra alla qualificazione ai Mondiali, e non dimentichiamo che potrebbero essere anche giorni fortunati per la selección, che conta già 2 Coppe del mondo. I Mondiali di Russia 2018 si disputeranno dopo appena un anno da quando Sampaoli ha ufficialmente assunto il ruolo di ct della Nazionale argentina. Stessa situazione per Janne Andersson, nuovo tecnico della Nazionale svedese che ha costretto l’Italia a rinunciare, almeno per Russia 2018, al sogno della quinta Coppa del Mondo e a restare fuori dal campo dopo 60 anni, ma che ha saputo quindi far qualificare la sua con le altre 31 squadre dei Mondiali. Si è trattato quindi di una prima campagna di qualificazione piuttosto felice per la nazionale scandinava, ma bisogna ammettere che rimpiazzare Zlatan non è stato semplice. E forse i tentativi non sono stati sufficienti, dal momento che quella svedese è data tra le squadre sfavorite per il Mondiale, con una 23° posizione nella classifica FIFA che nell’aprile scorso vedeva invece l’Italia al 20°. Un peccato per coloro che, non potendo tifare i nostri Azzurri, avrebbero ripiegato sulla squadra che ha spento il nostro sogno; ma, dobbiamo ammetterlo, fa invece piacere ad altri sapere che la nazionale svedese non sarà probabilmente in grado di vedere la vittoria senza Ibra, partendo contro Messico e Corea del Sud, ma anche la Germania, che si situa tra le nazionali considerate più forti, come prima nella classifica FIFA, e poco distante da Spagna, Francia e Brasile per esperti e tifosi.

La nazionale verdeoro viene appena dopo quella teutonica nella classifica FIFA, ma è, tra le nazionali che contano dei titoli iridati, quella più titolata. È infatti la prima per il numero di volte in cui ha vinto i Mondiali, sebbene 4 anni fa, quando giocava in casa, la Germania non abbia resistito a rubarle la Coppa del Mondo, con una sconfitta, a Belo Horizonte, tra le peggiori di sempre. La rosa di quest’anno però comprenderà anche l’asso del calcio mondiale Neymar, “O Ney”, ritenuto alla pari di Pelé persino dallo stesso ex giocatore, considerato a ragione il migliore giocatore di tutti i tempi. Cosa ci sarà da aspettarsi dalla Seleção per Russia 2018?


Casino.com € 500 Bonus.

StarCasino € 1 000 Bonus.

Le nazionali più conosciute e titolate di sempre sono presenti, quasi al completo. Brucia ancora non poter vedere gli Azzurri in campo quest’anno. Ci toccherà continuare a vantare i 4 titoli iridati vinti nelle scorse edizioni dei Mondiali disputate in Europa, e sperare che la Germania non eguagli il Brasile quest’anno.

Ma chi sono le altre partecipanti di questa edizione dei Mondiali Russia 2018? La Polonia, 10° nella classifica FIFA dello scorso aprile, non ha mai vinto una Coppa del Mondo, ma non è la sua prima partecipazione al Campionato Mondiale di Russia 2018, così come per altre nazionali che hanno saputo qualificarsi per questi Mondiali. Parliamo ad esempio della Tunisia, che manca dai Mondiali da Germania 2006. Ma anche la Nazionale messicana, che ha preso parte a ben 15 Campionati mondiali di calcio, ma senza mai vincere, dal 1994 quando si sono disputati negli Stati Uniti e in avanti.

Il Marocco non gareggia per la Coppa del Mondo dal 1998, in Francia, mentre il Senegal prenderà parte al Campionato mondiale di calcio per la seconda volta nella sua storia soltanto quest’anno. La prima volta era l’edizione del 2002, occasione in cui la squadra ha perso contro la Turchia ai quarti di finale.

Quali sono le nuove nazionali per questi Mondiali di Russia 2018?

Per I Figli del Deserto, quelli della nazionale saudita, non sembrano esserci molte chance, mentre gli spettatori e i tifosi si aspettano un gioco ragionevolmente speziato da parte della nazionale del Perù, che non vediamo giocare dai Mondiali dal 1982, disputatisi in Spagna. Il suo periodo d’oro si situa negli anni settanta, quando poteva essere accostata come forza calcistica alle vicine squadre di Brasile e Argentina. Quest’ultima potenza si troverà a competere con l’Islanda il 16 giugno, un’Islanda che non ha mai visto un Campionato mondiale prima di questo di Russia 2018, per il quale si è classificata prima nel suo girone. Quella islandese è, tra le nazionali che si sono qualificate per i Mondiali, quella che conta il numero più esiguo di abitanti. Certamente la sua squadra non è mai stata più “Azzurra” di così! In questo 2018, infatti, la nazionale dei geyser, dei vulcani e del ghiaccio indosserà delle divise tutte “made in Italy”. È stata l’italiana Erreà a presentare le maglie per i giocatori di Hallgrímsson, ct della nazionale islandese - e dentista -, che solitamente si presentano in campo con divise completamente azzurre. L’anno del debutto della nazionale dei signori delle fredde terre d’Islanda avverrà quindi con un certo stile!

Dai geyser islandesi al Canale di Panama c’è da percorrere un lungo tratto, ma a livello calcistico non riscontriamo una gran differenza. Anche per Los Canaleros questi Mondiali di Russia 2018 sono la prima possibilità in assoluto di mettersi in mostra a livello mondiale. Come si è qualificata la Nazionale panamense? Con una vittoria contro quella dei vicini del Costa Rica, contro i quali ha registrato però, nel 1938, la peggiore sconfitta della sua storia calcistica. Sebbene quindi la nazionale panamense sia data tra le sfavorite, se consideriamo la classifica FIFA, ha già guadagnato qualcosa rispetto al passato. Per molti non avrà infatti vita lunga ai Mondiali di Russia, considerando che si troverà a competere contro Belgio, Inghilterra e Tunisia, a partire dal 18 di giugno. Ma aspettiamo di vedere cosa accadrà prima di giudicare!


Unibet € 100 Bonus e 50 giri gratuiti.

StarCasino € 1 000 Bonus.

Casino.com € 500 Bonus.

bet365

LeoVegas Sport

 


casinoitaliani.it