Titolo iridato Mondiali Russia 2018

Italia al Campionato mondiale di calcio Russia 2018

No, ragazzi, non fatevi strane idee! Sono ormai passati i mesi in cui si sperava che qualche team si ritirasse e in cui il web pullulava di false speranze che volevano gli Azzurri in scena anche quest'anno, in territorio russo, a competere per il titolo iridato. Qui scriviamo di come il nostro spirito sarà in campo anche senza la nostra nazionale, a Russia 2018.


LeoVegas Sport € 100 Bonus.

Unibet Sport € 50 Bonus.

Sisal Sport

bet365 Sport € 100 Bonus.

La Coppa del mondo FIFA

Un pezzetto d’Italia non solo tiferà la sua squadra “di riserva” durante questi Mondiali di Russia 2018, ma sarà portato a casa dalla squadra che verrà nominata Campione del mondo!

Come questo sia possibile? Semplice!

Il trofeo della Coppa del mondo FIFA dal 1974 è quello creato dell’orafo e scultore italiano Silvio Gazzaniga. Questi, dopo una selezione indetta in vista dei Mondiali del 1974, è stato in grado di presentare la sua creazione, il trofeo con il quale vengono premiati i vincitori, che rappresenta sia la gioia che la grandezza dell'atleta nel momento della vittoria. Sulla coppa vediamo infatti due atleti stilizzati, che sorreggono l'intero globo terrestre mentre esultano per la recente vittoria.

La coppa ha delle dimensioni di 36,8 cm di altezza per un diametro della base di 13 cm, mentre il peso è di 6175g ed è creata in oro 18 carati, vuota al suo interno, ma anche parzialmente in malachite semipreziosa. Riporta delle incisioni coi nomi delle nazionali che dal 1974 hanno vinto il Mondiale, ciascuno nella lingua della nazione indicata.

La coppa continuerà a girare il mondo fino al 2038, quando tutti gli spazi disponibili per inserire i nomi dei vincitori dei Mondiali verranno riempiti, e finora, a partire dall’anno della sua creazione, è stata per 3 volte in casa tedesca, 2 in casa argentina, così come per i tetti italiano e brasiliano; Francia e Spagna, invece, l’hanno toccato una volta a testa.

In passato la Coppa del Mondo veniva concessa ai vincitori del titolo iridato. A causa dei segni che ha riportato quando è stata ospitata a casa dalle federazioni vincitrici dei Mondiali, però, sono stati adottati dei provvedimenti diversi. Il trofeo originale del Mondiale FIFA, infatti, viene consegnato al capitano della squadra che vince il titolo iridato soltanto durante la cerimonia di premiazione. Dolci momenti per Cannavaro ai Mondiali 2006...

Una volta terminata la cerimonia, la FIFA regala alla nazionale vincitrice una copia della coppa, creata dalla stessa casa italiana dell’originale e che riporta, invece delle 17 placchette coi nomi dei vincitori precedenti del titolo iridato, l’edizione del Campionato mondiale, la data della finale vinta, la città e lo stadio, e ovviamente la squadra campione del mondo!

Superprotetto questo trofeo, insomma! Ma il suo tour lo porta infine anche nella nazione ospitante, dove può essere visto dai tifosi, che lo rivedranno poi nello stadio in cui verrà consegnato, in conclusione dei Mondiali, alla squadra più abile.

I vincitori della Coppa del Mondo FIFA, dalla sua creazione ad oggi, sono stati:

1974 Germania Ovest
1978 Argentina
1982 Italia
1986 Argentina
1990 Germania Ovest
1994 Brasile
1998 Francia
2002 Brasile
2006 Italia
2010 Spagna
2014 Germania

 

Quale sarà il capitano che la solleverà ai Mondiali Russia 2018 di quest’anno?


Sisal Sport

bet365 Sport € 100 Bonus.

Unibet Sport € 50 Bonus.

L'anima italiana prende parte a questi Mondiali FIFA 2018

 

L'Islanda si veste di azzurro per i Mondiali FIFA Russia 2018

La nazionale islandese ha scelto un’identità “azzurra” per i suoi primi Mondiali di calcio. Ha infatti adottato un brand italiano per il suo debutto a Russia 2018, dove sarà per la prima volta in gara per aggiudicarsi il titolo iridato. “Legends are born without warning” è il motto che accompagna il lancio delle nuove divise. E infatti c’era chi non avrebbe scommesso sulla qualificazione della nazionale islandese per la Coppa del mondo FIFA 2018, eppure gli eventi hanno visto i signori del ghiaccio qualificarsi come primi nel loro girone.

Oltre ad essere la prima volta che la KSÍ – la Football Association of Iceland – compete per un titolo iridato, la nazione islandese si piazza anche come quella che conta il numero più esiguo di abitanti. Ovviamente anche per Hallgrímsson - professione dentista – questa è la prima apparizione come commissario tecnico della nazionale, che aprirà i suoi giochi il 16 giugno, contro l’Argentina, una squadra assolutamente tra le favoritissime per questi Mondiali. Sebbene non conosciamo ancora la reazione della rosa dei giocatori islandesi e l'esito della partita, sappiamo invece che le loro maglie saranno made in… Italia!

Le divise della nazionale islandese sono infatti prodotte dalla nostrana Erreà Sport S.p.A., con sede a San Polo di Torrile, in provincia di Parma, tra l’altro già sponsor tecnico della Nazionale di pallavolo maschile italiana. L’italiana Erreà ha voluto creare una divisa che fosse quanto più vicina possibile all’identità della squadra di Hallgrímsson, perché potesse sentire un po’ di casa anche in Russia e non trovarsi spiazzata in territorio internazionale e in un’occasione come quella dei Mondiali, in cui la pressione certamente non manca.

Pensiamo un po’, quindi… Quali sono i tratti caratteristici della terra d’Islanda?

Una nazione insulare, quindi circondata da acque, fredde acque, come pure quelle dei suoi fiumi glaciali. Le acque scendono dai ghiacciai onnipresenti, ma vulcani e geyser sono il cuore di fuoco della nazione. Una nazione che ha saputo combattere e qualificarsi per questi Mondiali, con grinta ed energia.

Da questi elementi del territorio islandese derivano il design e la struttura delle divise italiane. La prima divisa creata per la KSÍ fonde ghiaccio, acqua e lava. Dal colletto a V il bianco ghiaccio si scioglie in piccoli punti che incontrano quelli della lava, di un rosso acceso, come la passione che scalda gli animi degli islandesi, ma anche quelli dell’acqua, che invece deriva dal ghiaccio che si scioglie e che va a rivestire, con una linea aderente e completamente azzurra, l’intera maglia dei giocatori del Mondiale. Proprio su questa linea emergono due tessuti: uno, nella parte centrale, è azzurro, mentre un secondo tessuto rosso lava sottostante traspare ai bordi, ad evidenziare il cuore caldo del popolo islandese, la cui fierezza è espressa anche nel motto “Fyrir Island” – “Per l’Islanda” – riportato all’interno del colletto, e dalla bandiera della nazione.

Erreà ha proposto anche altre due versioni della maglia, nelle quali cambia l’ordine dei colori, ma sempre sulla linea della prima divisa. Senza parlare in dettaglio dei tessuti e dei materiali della casa italiana alla quale l’Islanda si è affidata per esprimere bene la sua forza ed energia, di una qualità il cui alto livello è riconosciuto, possiamo affermare senza dubbio che la creazione ha saputo rendere con la massima chiarezza la fierezza della squadra d’Islanda, la stessa dei geysers, fenomeni naturali che ricoprono la sua terra. Non a caso questi fanno parte dell’intera campagna di comunicazione che la casa italiana Erreà ha lanciato per pubblicizzare la nascita del suo prodotto, che vedremo presto in Russia.


LeoVegas Sport € 100 Bonus.

Gli arbitri dei Mondiali di Russia – Chi sono i rappresentanti italiani?

Da dove vengono i direttori di gara che avranno il compito di controllare il corretto svolgimento del prossimo Campionato mondiale FIFA 2018?

La notizia dei nomi sui quali è ricaduta la scelta della FIFA per questi Mondiali riporta anche un certo numero di rappresentanze nostrane.

Le terne arbitrali sono state quindi selezionate, e parliamo di 99 giudici di gara nel complesso, ossia 36 arbitri e 63 assistenti.

Tra i 36 arbitri scelti dalla Commissione Arbitrale della FIFA è stato reso ufficiale il nome di Gianluca Rocchi, lo scorso 29 marzo, che rappresenterà l’Italia affiancato dagli assistenti connazionali Elenito Di Liberatore e Mauro Tonolini.

La Commissione arbitri della FIFA, di cui l'italiano Pierluigi Collina è presidente, quest’anno per la prima volta ha dovuto far fronte anche ad un’altra necessità.

Ne è passata di acqua sotto i ponti da quando John Langenus, il primo arbitro, belga, ad essere stato selezionato per i Mondiali di calcio del 1930 ha dovuto tener testa al regolare svolgimento delle competizioni, e da allora non solo il calcio si è evoluto, ma anche le tecnologie e le possibilità degli ufficiali di gara.

Il titolo iridato Russia 2018 - Dov'è l'Italia?

Oltre alle normali terne arbitrali, per questi Mondiali di Russia la Commissione Arbitri della FIFA ha selezionato anche gli arbitri che fungeranno da VAR e AVAR. Si tratta di nuove figure arbitrali introdotte proprio per la stagione 2017/2018 in Serie A.

Dopo una selezione i cui criteri si sono basati sull’esperienza e sulla conoscenza in merito alla nuova tecnologia, ma anche su quella collezionata grazie alla partecipazione a numerose competizioni FIFA, la Commissione ha scelto il team, che è composto, tra gli altri, anche da 3 italiani, che sono Massimiliano Irrati, Daniele Orsato e Paolo Valeri.

I nuovi video assistant refereeVAR -, insieme agli altri 99 direttori di gara, lo scorso aprile hanno preso parte ad un seminario di due settimane presso il centro tecnico della Federcalcio italiana, a Coverciano. Le lezioni sulla VAR sono state presiedute da Roberto Rosetti, arbitro italiano non certamente estraneo alle competizioni per il titolo iridato. Il prossimo step per gli ufficiali di gara selezionati sarà invece ritrovarsi a Mosca, dieci giorni prima del calcio d’inizio dei Mondiali, il 14 giugno. L’attesa si fa sentire!


Sisal Sport

Unibet Sport € 50 Bonus.

 

Le nostre conclusioni

Il web pullulava di ipotesi di ripescaggio per gli azzurri, a causa di questa o quella situazione, ma nulla è accaduto. Possiamo accontentarci quindi della presenza dell’anima italiana in qualche importante icona del Campionato mondiale di calcio.

Per leggere di più sui Mondiali di Russia 2018, controllate la nostra sezione aggiornata con le migliori Notizie! E per le scommesse sportive, giocate solo sui siti degli operatori legali e sicuri, con certificazione AAMS, da noi raccomandati. Troverete le recensioni complete nella sezione dedicata, e vi informeremo sulle migliori Promozioni disponibili, anche per la Coppa del mondo FIFA 2018!


bet365 Sport € 100 Bonus.

StarCasino € 1 000 Bonus.

Unibet Sport € 50 Bonus.

LeoVegas Sport € 100 Bonus.

Casino.com € 500 Bonus.

888 € 500 Bonus.

Merkurwin € 500 Bonus.

Sisal Sport

 


casinoitaliani.it